Home

 

 

 

Finale. Boragni, Settore Destro: 2 vie nuove.

 

Oltre alle splendide Vie del Donde, due belle vie nuove, atletiche e molte vorie.

 

L’accesso a Settore Destro della Bastionata di Boragni si fa da ora da Orco (stesso parcheggio che si utilizza per la Falesia del Silenzio), in  15 minuti circa, con percorso panoramico e comodissimo.

Dal piazzale di Orco, seguire il percorso escursionistico con segnavia “triangolo + tacche rosse” che conduce in Rian Cornei. All’inizio è una stradina sterrata; superata una casa in ristrutturazione, diventa sentiero; poco dopo, dal sentiero principale si stacca sulla sinistra un sentierino che conduce in cresta. Seguire il sentiero in cresta per qualche centinaio di metri, fino a raggiungere la base della Bastionata di Boragni, dove la cresta diventa imponente e rocciosa. Girare quindi a sinistra, seguendo il sentiero che scende nel bosco, sul versante Est. Percorsa una splendida cengia alberata e costeggiando la parete, si arriva in breve al settore, sospeso sui boschi della Val Sciusa, con il borgo medioevale di Boragni ben visibile in basso.

Vedi schizzo Accesso.

 

Amore e Pazzia

Via nuova, Ottobre 2011 – Marco Pukli & Sabina Mao

 

Nuova via al Settore Destro della Bastionata di Boragni, sul pilastro grigio subito a destra della grande erosione rossastra.

 

Difficoltà: 7a

Sviluppo: 32 metri

Prima RP: Marco Pukli.

Prima On-Sight: Matteo Felanda.

 

Bella linea, dapprima su muro fessurato e quindi in una sorta di splendida svasatura di roccia grigia. 

Arrampicata tecnica e di dita su muro leggermente strapiombante a buchetti e tacche.

 

 

Sabina all’inizio del tratto duro.

Il panorama dalla cengia: Boragni e la Rocca degli Uccelli

 

Materiale utilizzato:

12 Chiodi Inox Raumer Superstar 10 x 80  + resina Berner  MULTICOMPOUNDsystem EPOXY. Sosta Raumer Inox.

             

Scheda tecnica dei chiodi utilizzati:      http://www.raumerclimbing.com/ita/prodotti_dettaglio.asp?prod=-superstar-_inox_ø10x80&qi=4-7-68

Scheda tecnica della sosta utilizzata: http://www.raumerclimbing.com/ita/prodotti_dettaglio.asp?prod=gruppososta_inox-2superstar_+_1catena_+_2anelli_ø10&qi=0-9-100

Scheda tecnica della resina utilizzata: http://shop.berner.eu/berner/it/productgroup/840884/Legno/Tasselli/Ancoranti_Chimici/MULTICOMPOUNDsystemEPOXY;jsessionid=64ED04BA0A8BADF0DC1EB034F65E9EF7?conversationContext=1

 

------------------------------------ ------------------------------------

 

Bel Rimbalzo

Via nuova, Ottobre 2011 – Matteo Felanda & Marco Pukli

 

Nuova via al Settore Destro della Bastionata di Boragni, sul muro bianco posto a destra della grande erosione.

 

Difficoltà: 7b

Sviluppo: 30 metri

RP: Marco Pukli, 2011

 

Splendida arrampicata di resistenza, molto continua, su muro strapiombante. La roccia, prevalentemente bianca, offre una bella sequenza di tacche nette, buchetti e qualche goccia, ma l’aderenza non è certo quella della purissima roccia grigia che si trova sulle altre vie della placconata grigia sita sulla sinistra (Incubi di pietra, Alcolica, Arcisciocco, eccetera). D’altra parte, mentre le vie nel grigio propongono essenzialmente un’arrampicata tecnica e di dita su placca, su questo muro bianco l’arrampicata è molto più atletica.

Lo stile di scalata ricorda un po’ il Masso Crazy Brothers.

 

 

Note:

 

Ho ripetuto le tre vie nuove di Matteo Felanda, create sul grande pilastro di roccia grigia che domina il lato sinistro della placconata.

Sono tra le vie più belle che io abbia mai scalato, su roccia purissima.

Quella che preferisco è Ultreya (40 metri, 7a+), per via della grande varietà di stili che offre: fessura, boulderino, pilastro a buchi. Non mi stanco mai di scalarla.

Inoltre: Berlingo (36 metri, 6c), ancora più divertente partendo da “Croi”, 6c.

Arcisciocco respiri cancro  (40 metri, 6c+), un susseguirsi di passaggi su roccia grigia aderente e ben lavorata, dal pilastro tecnico sui piedi della prima parte fino allo splendido pilastro grigio finale a buconi,.

 

 

Sabina all’inizio delle difficoltà

di “Bel Rimbalzo”.

 

Matteo, vestito da lavoro (?)

 resina su “Bel Rimbalzo”.

 

Il muro bianco visto dal colletto

 sulla cresta che conduce a Orco.

 

Il Donde su “Berlingo”, 6c;

come tutte le vie del Settore,

roccia purissima.

 

Zot sul passo chiave di “Ultreya”, 7a+,

 tipico passaggetto finalese,

molto bello, duro e di

difficile impostazione..

 

 

Zot su “Croi”, 6c, da dove proseguirà

 per “Berlingo”.

 

Materiale utilizzato:

12 Chiodi Inox Raumer Superstar 10 x 100 & 10 x 80  + resina Berner  MULTICOMPOUNDsystem EPOXY. Sosta Fixe/Raumer Inox.

             

Scheda tecnica dei chiodi utilizzati:      http://www.raumerclimbing.com/ita/prodotti_dettaglio.asp?prod=-superstar-_inox_ø10x80&qi=4-7-68

Scheda tecnica della sosta utilizzata: http://www.raumerclimbing.com/ita/prodotti_dettaglio.asp?prod=gruppososta_inox-2superstar_+_1catena_+_2anelli_ø10&qi=0-9-100

Scheda tecnica della resina utilizzata: http://shop.berner.eu/berner/it/productgroup/840884/Legno/Tasselli/Ancoranti_Chimici/MULTICOMPOUNDsystemEPOXY;jsessionid=64ED04BA0A8BADF0DC1EB034F65E9EF7?conversationContext=1